Chi mi conosce bene sa che dico sempre solo la metà di quello che vorrei dire e solo la metà della metà risulta comprensibile. Il che, lo ammetto, è una valutazione generosa delle mie capacità comunicative.

lunedì, febbraio 12

Mercoledì andando a lavorare sono scivolato e mi sono fratturato il V Metatarso e ora per un mese dovrò tenere un bel gesso fino al ginocchio.
Quando il corpo accusa qualche problema, io sono sempre nervoso. Mi Sento un ingranaggio rotto o inceppato e questo mi irrita molto, non tanto per il danno in sé, può anche essere una cosa da nulla, quanto per la sensazione di essere fragile, e magari di dover dipendere da qualcuno.
E poi essere tornato a casa di mamma: senza Skype, senza messenger, senza internet, senza poter andare in palestra, senza poter fare le solite cose. Mi sembra di perdere pezzi per strada: perdo persone, occupazioni, abitudini e mi sembra di essere al centro di una palude. E pure impantanato e con il vento contro. E nella melma schifosa non faccio che trovare le ossa di chi è passato qui prima di me.
Ma parliamo di questi “DICO”. La prima domanda è: sono eccessivo se quando vado in posta a mandare la raccomandata al mio convivente attacco i barattoli vuoti sul retro della macchina e vado all’ufficio postale vestito di bianco con tanto di velo?
Le altre nei prossimi giorni. Non lo sapete forse che il V metatarso è fondamentale per la stabilizzazione dell’umore ed è coinvolto nella capacità di formulare pensieri compiuti?

1 Comments:

Blogger umberto66 said...

Scusa la mia ignoranza, che è grande, ma dov'è il V metatarso? Comunque, ti faccio gli auguri e ti consiglio di portare un po' di pazienza altrimenti questo mese non ti passerà più. A proposito di DICO, ogni giorno si sente qualcosa pro e contro, ma aspetto che la proposta di legge sia legge: è certa una cosa, che è molto meno di quello che ci si aspettava e di quello di cui avremmo bisogno. Forte la Litizzetto domenica sera quando ha toccato l'argomento. P.S.: approfitta di questo incidente per farti coccolare. P.S.: mi sembrava che avessi tu stesso già detto che superata la soglia dei 30 e viaggiando verso i 40, il fisico comincia a conoscere un certo declino, per cui ci vuole molta più attenzione nel fare qualsiasi cosa (!), anche una semplice passeggiata, e figuriamoci per il resto. E poi come diceva un quasi tuo concittadino, è inutile ci vuole un fisico BESTIALE!!!

12:25 PM

 

Posta un commento

<< Home