Chi mi conosce bene sa che dico sempre solo la metà di quello che vorrei dire e solo la metà della metà risulta comprensibile. Il che, lo ammetto, è una valutazione generosa delle mie capacità comunicative.

mercoledì, agosto 9

Domani mattina parto per le vacanze a Lisbona. Tornerò a scrivere questo blog solo a fine agosto.
Però Vi lascio con il fiato sospeso per una pazzia che ho fatto.
In palestra c’è un tipo che mi piace. Si tratta di attrazione fisica, certo. Però me lo sogno di notte!
Per chi ha più di trentenni si ricorderà il fornaio dei vecchissimi spot dei TEGOLINI del mulino bianco. Era innamorato della sua Clementina e dopo ogni incontro andato a vuoto si riprometteva che, la volta successiva, sarebbe stato molto più audace e avrebbe rilevato il suo amore.
Io con il mio bello della palestra sono più o meno lo stesso. In palestra l’unica cosa che riesco a fare è guardarlo in cagnesco. Punto!
Lo scorso venerdì , dopo la mia ultima serata in palestra prima delle vacanze, ho passato tutta la sera ripetendo a me stesso che a Settembre lo avrei affrontato e gli avrei parlato.
Il giorno dopo parto per Roma per il concerto di Madonna. La sera i miei amici romani mi accompagnano al Gay Village e, ad un certo punto della serata, i nostri sguardi si incontrano. Lui sorride e io…. Lo guardo in cagnesco! Ma si può essere più stupidi. Lunedì sera stavo tornando da Roma quando un sms di un amico mi informa che il marcantonio in questione è in palestra. Mi precipito e appena lo vedo lo saluto! Che soddisfazione!
Haimè lui era sempre in compagnia del suo personal trainer e quindi non ho potuto interagire, s enon mandandogli languide occhiate! Lui stava raccontando al suo personal trainer del concerto di Madonna e l’altro risponde che il concerto più bello sentito quest’anno è stato quello dei sigur ros! (non sono più i personal trainer di un avolta: tutti muscoli e poco cervello).
Il mio bello non li conosceva.
Ebbene la sera stessa ho appiccicato al parabrezza della sua macchina un cd dei sigur ros con un biglietto che diceva: “Ci sono cose nella vita che non si possono non conoscere. Cominciamo dai sigur ros. PS1:non sono il personal trainer. PS2: te lo avrei dato in palestra domani ma parto per le vacanze”. E gli ho lasciato il mio numero di telefono.
La mattina dopo ci siamo scambiati questi sms:
“Ciao. Sono molto sorpreso per quello che stamattina ho trovato sul mio parabrezza..e anche curioso di saperechi può avermelo lasciato… anche se qualche idea l’ho!Piaciuto il concerto a Roma? Dove vai di bello in ferie?”
“meglio un cd che una multa, no? Sono un aspirante babbo natale. Sono all’esame “fai un regalo ad uno sconosciuto”. Sono quello rasato e che non sorride mai. Vado in Portogallo.”
“Avevo immaginato bene allora! Ma non eri anche a Roma? O li mi sono sbagliato? Fai buone ferie…c is i vede a settembre”
“Il fatto che io fossi a Roma, sappia che macchina hai e dove parcheggio non vuol dire che io ti segua! Tranquillo! Buone ferie anche a te”

E adesso? Vi chiedo commenti! Mi sono reso ridicolo? Ho fatto una ragazzata? Cosa faccio quando ci rivediamo a Settembre?
Buone vacanze a tutti e aiutatemi a capire!!!!!!

2 Comments:

Blogger Limbozero said...

alla faccia delle coincidenze e casualita'! non solo ti piace uno in palestra a bologna (se non erro tu vivi da quelle parti),ma te lo ritrovi pure a roma in un locale gay!Che vuoi di piu' dalla vita? si forse immagino cosa.. :)
Beh il caso e la fortuna sono dalla tua parte, continua cosi' e fammi sapere come continua la storia a settembre!! :)
Buone vacanze!

9:38 PM

 
Blogger c_trullo said...

Eh Eh .. io questa cosa l'ho già sentita... :) avendoti accompagnato io al Gay Village! Però anche a me mi hai lasciato in sospeso, per fortuna che leggendo (solo oggi) questo post ho letto com'è andata afinire con gli sms. Ma ora sei tornato, vero? E ti sei precipitato in palestra??? E lui c'era? E vi siete parlati? E...? Insomma: VOGLIO SAPERE TUTTOOOOOO! :-)

12:39 PM

 

Posta un commento

<< Home